Sfiorando lo splendido manufatto fui catapultata
come in un tuffo, nella GALLERY
della memoria. Eccoci lì, nello
studio di Filiberto a CHELSEA,
stiamo ascoltando una rara registrazione
che suo padre fece trent’anni prima:
la band di Davis dal vivo al festival dell’isola
di WIGHT 1970.
TUM TUM, la cassa della batteria lanciava la tromba di Miles
nella galassia e noi ci baciammo... Fu solo un istante.
Un istante meraviglioso in cui tutto iniziò
e tutto finì. Il giorno dopo tornai
A MILANO e lui rimase A Londra
A studiare alla School of Economics.
Ci perdemmo di vista
e non ripensai più A lui fino ad ora,
qui, in via TREBBIA 26.